Ghirlanda rustica farcita

Ghirlanda rustica farcita

Ghirlanda di pizza

L’idea di questa ghirlanda rustica farcita, mi è venuta per caso qualche settimana fa. Avevo preparato l’impasto per le pizze e mi sono resa conto di averne troppo, cosi ne ho messo da parte un pezzo, in attesa che mi venisse qualche idea. Quando ormai l’impasto era lievitato, e le idee a zero, l’ho steso, farcito e la forma è nata da se.
E’ piaciuta molto, finita in un batter d’occhi, cosi ho deciso di rifarla, anche per migliorarne la forma e la consistenza.
Il risultato mi ha lasciato pienamente soddisfatta, finalmente sofficissima, ben alveolata e con la crosticina croccante.
Spesso la metto come centrotavola e riscuote sempre un gran successo, come sapore e come aspetto.
Ghirlanda rustica farcita

Ghirlanda rustica farcita

Ingredienti per una ghirlanda diametro 24 cm c.ca

Per la base

500 gr di impasto per pizza (Qui la ricetta con pasta madre)
Per la farcitura
70 gr olive nere denocciolate
2 cucchiai di pecorino grattugiato
1 cucchiaino peperoncino secco frantumato
1 cucchiaio origano
1 cucchiaio olio evo
Per spennellare
Olio extravergine di oliva
Sale

Spezzettare le olive dentro una ciotola, aggiungere il peperoncino, l’origano e l’olio, mescolare bene.
Disporre l’impasto lievitato su un piano leggermente infarinato (non esagerare con la farina, o i vari pezzi non si uniranno). Stenderlo con le mani leggermente unte e ricavarne una forma rettangolare e regolare, dello spessore di circa mezzo cm. Non usare il mattarello.
Con un coltello ben affilato, o il tarocco, praticare 2 tagli nel senso della lunghezza, fermandosi 3-4 cm prima della fine di uno dei 2 lati corti.
Cospargere con il pecorino grattugiato, lasciando puliti i bordi (circa 1 cm) perché si possano sovrapporre facilmente.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Distribuire le olive condite al centro delle 3 strisce, lasciando libero un pezzetto di bordo, chiudere sovrapponendo e pizzicando i bordi perché non si aprano.
Intrecciare i 3 rotoli ottenuti, facendo attenzione a non deformarli. Pizzicare le estremità dei 3 rotoli fra loro, chiudere la treccia a cerchio, sovrapporre i bordi dei rotolini all’altra estremità, e chiudere bene perché non si dividano.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Prendere con delicatezza la ghirlanda e trasferirla su una teglia foderata di carta forno e cosparsa di semola.
Per evitare che il foro si chiuda, mettervi un oggetto rotondo foderato di carta forno
Ho evitato lo stampo da ciambella perché i lati esterni della ghirlanda si sarebbero appiattiti
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Coprire la ghirlanda con una ciotola capiente rovesciata e far lievitare per circa 1 ora, in ogni caso valutare in base alla stagione e la temperatura che c’è in casa, sarà pronta da infornare al raddoppio.
Scaldare il forno a 220°. Quando sarà il momento di infornare, spennellare la ghirlanda con olio extravergine di oliva e unire un pizzico di sale grosso,  cuocere per circa 15 minuti nel ripiano centrale del forno. Se è necessario, lasciare altri 5 minuti
Appena sarà cotta e dorata, togliere dal forno e far freddare su una gratella, oppure servirla ben calda.
E’ buona e soffice anche il giorno dopo, se dovesse avanzare.

2 Commenti

    • Grazie 🙂 Infatti è quello che ho pensato, va bene anche come centrotavola, poco impegnativo e semplice da realizzare.

I commenti sono bloccati.