Panada ai carciofi

Panada ai carciofi

Panada sarda ai carciofi

Questo mese la rubrica Cucina e territorio è dedicata alle ricette pasquali e propongo la Panada ai carciofi, una torta rustica molto diffusa in tutta la Sardegna e preparata in diverse varianti. Le panadas tipiche di Pasqua si preparano con agnello e carciofi, anguille e patate, oppure con carciofi e patate. Quest’ultima versione in origine era considerata la più povera, perché non tutti potevano permettersi di festeggiare con la carne o il pesce, di recente è stata riscoperta e rivalutata, perchè risponde anche alle esigenze di quanti desiderano controllare le calorie, o per chi segue una dieta vegetariana. E’ sicuramente una delle mie preferite e la preparo volentieri, anche perché non mangio l’agnello e di rado l’anguilla.
Cosa significa “panada”? Come si può facilmente comprendere, il termine si riferisce ad un insieme di ingredienti racchiusi in una sfoglia di pasta di pane, impanada, o panada, appunto.
E’ la torta salata sarda per eccellenza, conosciuta nei centri montani, nelle coste e nell’entroterra. In alcune località viene chiamata anche “pingiadedda” (pentolina), perché appena cotta si taglia la calotta e somiglia ad una pentola con il coperchio.
Nella mia versione ci sono anche le salsicce e i pomodori secchi.
Panada con salsicce e carciofi

Panada ai carciofi

Ingredienti per 6 porzioni
Per la sfoglia
250 g di semola rimacinata di grano duro
4 cucchiai d’olio extravergine di oliva (la tradizione prevede strutto)
100 g circa di acqua
1 pizzico di sale
Per il ripieno
8 carciofi con le spine (circa 400 g di peso senza scarti)
300 g di salsiccia fresca di suino
2 patate grandi
4 cucchiai d’olio extravergine di oliva
2 pomodori secchi
Qualche foglia di menta
1 spicchio d’aglio
Sale q.b.
Occorrente: una pentola di terracotta diametro 21 cm, oppure una teglia dai bordi alti, di uguale diametro.

Setacciate la farina sulla spianatoia, create la fontana e versatevi l’olio e il sale, aggiungete anche metà acqua e iniziate ad impastare, unite il resto dell’acqua un po’ per volta, valutando se serve tutta e se, eventualmente, ne serve altra. Lavorate l’impasto per circa 15 minuti, finchè sarà liscio e compatto. Copritelo con pellicola e fate riposare 30 minuti.
Nel frattempo preparate il ripieno della panada. Pelate le patate, tagliatele a pezzi e fatele cuocere a vapore, lasciatele un po’ al dente. Pulite i carciofi eliminando le foglie dure e i gambi, tagliateli a spicchi e trasferiteli in un tegame in cui avrete fatto scaldare 2 cucchiai d’olio con l’aglio, unite un pizzico di sale e coprite. Fate cuocere per circa 15 minuti, poi spegnete la fiamma e lasciate il tegame scoperto.
In una ciotola unite le patate tagliate a cubetti, i carciofi cotti, le salsicce crude a tocchetti, la menta spezzettata, i pomodori secchi tagliati a pezzetti, unite i 2 cucchiai d’olio rimasti e un pizzico di sale, mescolate e tenete da parte.
Tagliate la pasta in due parti, stendete due dischi sottili e posatene uno all’interno della pentola (o della teglia) unta con poco olio,  versate il ripieno, coprite con l’altro disco di pasta e unite i bordi. Fate un forellino al centro, per far uscire il vapore.

Panada sarda con carciofi e patate
Infornate nel forno precedentemente riscaldato a 200°, con funzione statica, e fate cuocere per circa 1 ora.
Sfornate la panada ai carciofi e servitela calda, dopo aver tagliato la calotta con un coltello.

Banner Ricette regionali

Condividi

16 Commenti

  1. Che golosità,uno scrigno che svela un ripieno golosissimo,grazie per la bella preparazione,io ci sono,amche se in ritardo il post programmato mon era partito,felice domenica

    • Ciao Paola, grazie! Bene, vengo subito a leggere la tua. Buona domenica anche a te 🙂

  2. Bellissima e sicuramente buonissima!!!
    Complimenti per la ricetta che non conoscevo, l’ho salvata nella lista di ricette da fare
    Un abbraccio

I commenti sono bloccati.